Novartis
Lung Unit
BMS
Tumore rene

Olaparib nei pazienti con carcinoma pancreatico con mutazioni inattivanti i geni BRCA1/2: risultati dello studio TAPUR


TAPUR ( Targeted Agent and Profiling Utilization Registry ) è uno studio basket di fase II che sta valutando l'attività antitumorale di agenti target in pazienti con tumori avanzati con alterazioni genomiche.

Sono stati riportati i risultati di una coorte di pazienti con carcinoma del pancreas con mutazioni inattivanti germinali o somatiche BRCA1/2 trattate con Olaparib ( Lynparza ), un inibitore di PARP.

I pazienti eleggibili presentavano carcinoma pancreatico avanzato, nessuna opzione di trattamento standard disponibile, malattia misurabile, ECOG Performance Status ( PS ) 0-2, e adeguata funzionalità degli organi.

I pazienti hanno ricevuto compresse o capsule di Olaparib dosate a 300 mg ( n = 27 ) o 400 mg ( n = 3 ), rispettivamente, due volte al giorno per via orale fino a progressione della malattia.

Il disegno a 2 stadi di Simon ha testato il controllo di malattia nulla ( risposta obiettiva o malattia stabile a 16+ settimane [ SD16+ ] secondo i criteri RECIST ) con un tasso del 15% contro il 35% ( potenza = 0.85; α = 0.10 ).
Gli endpoint secondari erano la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ), la sopravvivenza globale ( OS ) e la sicurezza.

Trenta pazienti con mutazioni inattivanti nei geni BRCA1/2 sono stati arruolati nel periodo 2016-2019; 20 erano stati in precedenza trattati con terapia a base di Platino.
Due non erano valutabili e sono stati esclusi dalle analisi di efficacia.

Sono state osservate 1 risposta parziale ( PR ) e 7 SD16+ per il controllo di malattia, e i tassi di risposta obiettiva ( ORR ), sono stati, rispettivamente, del 31% ( IC 90%: 18% - 40% ) e 4% ( IC 95%: 0% - 18% ).

Sette pazienti hanno manifestato almeno un effetto avverso di grado 3 o effetti avversi gravi con possibile correlazione a Olaparib: anemia, diarrea, febbre, enzimi epatici elevati, enterocolite, aumento della bilirubina e mucosite orale.
In conclusione, la monoterapia con Olaparib ha mostrato attività antitumorale nei pazienti pesantemente pretrattati con carcinoma pancreatico con mutazione germinale ( 5/12 pazienti con risposta obiettiva o SD16+ ) o somatica nei geni BRCA1/2 ( 3/16 pazienti con risposta obiettiva o SD16+ ). ( Xagena )

Fonte: American Society of Clinical Oncology ( ASCO ) Virtual Meeting, 2020

Xagena_OncoGastroenterologia_2020



Indietro