Sorafenib in combinazione con Capecitabina nei pazienti con carcinoma epatocellulare


C'è una mancanza di opzioni sistemiche per il carcinoma epatico avanzato; Sorafenib ( Nexavar ) e, di recente, Regorafenib ( Stivarga ) sono le uniche opzioni approvate.
Esiste la possibilità di combinare Sorafenib con agenti chemioterapici dimostrati essere attivi nell'epatocarcinoma, come la Capecitabina ( Xeloda ).

Sorafenib è il trattamento attualmente approvato di prima linea per il carcinoma epatocellulare.
La Capecitabina ha un'attività antitumorale nei tumori epatobiliari. La combinazione dei due, se tollerata, potrebbe migliorare la risposta antitumorale e la sopravvivenza.

Sono stati reclutati i pazienti con epatocarcinoma avanzato non-ammessi alla terapia locoregionale, performance status ECOG di 2 o superiore, classe Child-Pugh A o B-7, livelli di emoglobina maggiori o uguali a 8.5 g/dL, piastrine uguali o maggiori di 50.000/microL, numero di neutrofili assoluti maggiore o uguale a 1500 cellule/microL e creatinina sierica inferiore o uguale a 2.0 mg/dL.

Tutti i soggetti hanno ricevuto una combinazione di Sorafenib e Capecitabina, in un programma di 14 giorni, 7 giorni ON e 7 giorni OFF.

L'endpoint primario era la sicurezza e gli endpoint secondari erano la sopravvivenza globale e il tasso di controllo della malattia.

Un totale di 15 pazienti su 47 ha incontrato i criteri di inclusione. L'età media era di 64 anni ( 56-79 ) e il 77% era maschio.

Con un follow-up mediano di 12 mesi, la sopravvivenza mediana globale era di 12.7 mesi ( intervallo di confidenza del 95%, 8.5-23.4 ).

Il tasso di controllo della malattia è stato pari al 77% ( risposta completa 8%, risposta parziale 8% e malattia stabile 61% ).

Gli eventi avversi comuni sono stati: trombocitopenia ( 64% ); anemia ( 14% ); ipofosfatemia ( 21% ); ipomagnesiemia ( 14% ); iperbilirubinemia ( 21% ); aumento dei livelli di aspartato transaminasi ( AST ) ( 14% ); sindrome mano-piede ( 21% ); trombosi venosa profonda ( 21% ).

In conclusione, a dosi tollerabili, la combinazione di Sorafenib e Capecitabina appare essere un trattamento palliativo attivo e sicuro per l'epatocarcinoma nei pazienti di classe A e B-7 con cirrosi.
La piccola dimensione del campione non ha consentito il confronto con Sorafenib in monoterapia. ( Xagena )

Patt Y et al, Oncologist 2017; Epub ahead of print

Xagena_OncoGastroenterologia_2017



Indietro