Controversies in Genitourinary Tumors
Alleanza Mediterranea Oncologica in Rete
Tumore prostata
Tumore Vescica

Sorafenib in combinazione con Capecitabina nei pazienti con carcinoma epatocellulare


C'è una mancanza di opzioni sistemiche per il carcinoma epatico avanzato; Sorafenib ( Nexavar ) e, di recente, Regorafenib ( Stivarga ) sono le uniche opzioni approvate.
Esiste la possibilità di combinare Sorafenib con agenti chemioterapici dimostrati essere attivi nell'epatocarcinoma, come la Capecitabina ( Xeloda ).

Sorafenib è il trattamento attualmente approvato di prima linea per il carcinoma epatocellulare.
La Capecitabina ha un'attività antitumorale nei tumori epatobiliari. La combinazione dei due, se tollerata, potrebbe migliorare la risposta antitumorale e la sopravvivenza.

Sono stati reclutati i pazienti con epatocarcinoma avanzato non-ammessi alla terapia locoregionale, performance status ECOG di 2 o superiore, classe Child-Pugh A o B-7, livelli di emoglobina maggiori o uguali a 8.5 g/dL, piastrine uguali o maggiori di 50.000/microL, numero di neutrofili assoluti maggiore o uguale a 1500 cellule/microL e creatinina sierica inferiore o uguale a 2.0 mg/dL.

Tutti i soggetti hanno ricevuto una combinazione di Sorafenib e Capecitabina, in un programma di 14 giorni, 7 giorni ON e 7 giorni OFF.

L'endpoint primario era la sicurezza e gli endpoint secondari erano la sopravvivenza globale e il tasso di controllo della malattia.

Un totale di 15 pazienti su 47 ha incontrato i criteri di inclusione. L'età media era di 64 anni ( 56-79 ) e il 77% era maschio.

Con un follow-up mediano di 12 mesi, la sopravvivenza mediana globale era di 12.7 mesi ( intervallo di confidenza del 95%, 8.5-23.4 ).

Il tasso di controllo della malattia è stato pari al 77% ( risposta completa 8%, risposta parziale 8% e malattia stabile 61% ).

Gli eventi avversi comuni sono stati: trombocitopenia ( 64% ); anemia ( 14% ); ipofosfatemia ( 21% ); ipomagnesiemia ( 14% ); iperbilirubinemia ( 21% ); aumento dei livelli di aspartato transaminasi ( AST ) ( 14% ); sindrome mano-piede ( 21% ); trombosi venosa profonda ( 21% ).

In conclusione, a dosi tollerabili, la combinazione di Sorafenib e Capecitabina appare essere un trattamento palliativo attivo e sicuro per l'epatocarcinoma nei pazienti di classe A e B-7 con cirrosi.
La piccola dimensione del campione non ha consentito il confronto con Sorafenib in monoterapia. ( Xagena )

Patt Y et al, Oncologist 2017; Epub ahead of print

Xagena_OncoGastroenterologia_2017



Indietro